Live @ Green Park | 25.03.2022

Non so se durerà poco o tanto, ma riguardo alla seconda parte del 2021 e alla prima parte del 2022 una cosa la posso dire con certezza: nella mia terra, la gente scende di casa per cantare i MIEI pezzi.

È così, ed è una cosa che mi inorgoglisce immensamente.

Una cosa che so di potermi e dovermi prendere senza imbarazzi e finta modestia.

Diceva qualcuno che i propri successi vanno indossati. Se sai di averlo meritato, è un dovere.

Senza spocchia ma senza vergogna.

E allora indosso le cose belle che mi capitano, consapevole pure che dicendo ‘della mia terra’ sto dando materiale ai miei detrattori.

Ma mi piace così.

Mi piace così perché quegli stessi detrattori, quando mi parlano – e se mi parlano -, cambiano tono.

Se non per altro perché: (i) gli fornisco gli elementi per ragionare; (ii) quegli stessi detrattori si schierano talvolta contro il mainstream e talaltra contro la nicchia con il solo fine di accendere contrasti e far prevalere la propria (oscillante) prospettiva rispetto a quella dell’interlocutore di turno; (iii) hanno ascoltato (forse) uno solo dei miei otto album.

Per fortuna, come ho scritto in un pezzo: ‘dico sempre quello a cui credo altrimenti non vivo bene’.

Quindi, sono qui.

In ogni caso – continuando e terminando il discorso -, il concerto al Green Park è stato la celebrazione di quello che sono riuscito a costruire (e mi perdonerete – o forse no, e poco me ne frega – se per una volta parlo al singolare) facendo letteralmente i salti mortali per 8 anni.

Il solo fatto di avere avuto PeppOh ospite ad un mio live è da considerare un traguardo per il movimento di queste zone (qui torno alla dimensione collettiva perché non riesco proprio a farne a meno).

E vorrei che tutti quelli che sentono di aver costruito qualcosa negli anni si prendano un po’ di questa soddisfazione, soprattutto chi è salito sul palco con me: Sige, Maurix, Jay Johnny, Kama, DTX, Sito e il Prescelto. Mi fate gasare.

Chi mi sta vicino artisticamente sa che il mio appoggio e la mia CONDIVISIONE TOTALE in termini di opportunità e in termini materiali è supportata dai fatti.

Ora come negli anni passati.

E forse eccedo ed ho ecceduto come mi ricordano le persone che tengono a me: non mi sono tenuto per me quanto avrei dovuto.

Ora lo so.

Ma ho cominciato.

Ho cominciato, ve lo prometto.

State qui e ci vediamo prestissimo live.

F.

Ph. Nicola Attianese The Wolphoto

Foto